La Medusa handbag di Versace: basta uno sguardo

La nuova collezione di borse è on line. Captivating page e Augmented Reality per affascinare con l'eccellenza di un prodotto artigianale di alta classe.

Un prodotto di eccezionale qualità, frutto della più alta artigianalità e manifattura italiana, aveva bisogno di essere presentato con la stessa cura, ma in modo moderno e fortemente interattivo.
Per questo, dalla collaborazione tra Adacto e CLX Europe e dalla stretta relazione con Versace, è nato un progetto che unisce creatività e tecnologia, insieme a una cura del particolare che ha molto della stessa eccellenza artigianale del prodotto.

Il lancio della Medusa, borsa iconica della maison, si appoggia sul nuovo format Adacto, la "captivating page", molto più di una landing page o di un event website per la sua capacità di sintetizzare le caratteristiche del prodotto esaltandone gli aspetti più ricchi di interesse in relazione al target di riferimento. Un lavoro attento per far convergere il fascino di una borsa eccezionale in un insieme di soluzioni creative sia dal punto di vista visuale che tecnologico, rendendo l'esperienza quasi reale.
Creatività, UX/UI Design, gestione degli asset fotorealistici prodotti in CGI per poter scegliere e configurare con la massima attenzione al particolare e all'interno di ambienti reali, uno sviluppo applicativo coerente all'ecosistema digitale di Versace: sono tutti aspetti che rendono tangibile quel mix di competenze eterogenee di altissimo livello che rappresentano il vero elemento differenziale di Adacto

La Medusa handbag di Versace: basta uno sguardo 1


La captivating page dedicata alla nuova collezione di borse del Brand rende la User Experience unica, puntando sulla ricchezza dello “scrollytelling”, sulle potenzialità del configuratore 360° e dell’augmented reality.

Disponibile in otto lingue, la captivating page trasforma il semplice gesto di scroll della pagina nell’elemento di accesso alla narrazione del prodotto, permettendo all’utente di ricoprire un ruolo centrale nella navigazione, regolando i movimenti delle immagini, l’entrata dei testi e la costruzione del racconto narrativo.
Per rendere ancora più coinvolgente lo “scrollytelling”, Adacto ha arricchito la narrazione inserendo le experiences del configuratore 360°, che permette di personalizzare la borsa scegliendo tra le varianti colore e dimensione disponibili, e della realtà aumentata, grazie alla quale l’utente può posizionare la borsa all’interno del proprio contesto reale, accorciando in questo modo la distanza tra il Brand e la sfera personale, tra il virtuale e il mondo reale.

La Medusa handbag di Versace: basta uno sguardo 2